Share

CARLO FRANZA

Ella ha scelto il paesaggio, con la consapevolezza del dato interiore che qui si legge, e si proietta nelle forme naturali, nella dinamica della loro evoluzione, suggerita dal vento e dallo scorrere delle stagioni, dal mutevole sapore della terra inseminata, dai verdi raggrumati sulle spalle dell'orizzonte o dalla grafia lenta dei bianchi che tagliano la profondità mattinale del cielo. Una stagione privilegiata questa di Lisa Zanatta Pistorio: come pagine di diario i suoi lavori raccontano l'affinarsi degli strumenti introspettivi e l'immagine appena macchiata di colori che quasi giocano nei toni.

  • /